MENU

CONTATTI

SOCIAL MEDIA

NEWSLETTER

Un itinerario tutto da esplorare

COSTE CALABRESI

Una terra circondata dal mare, da mille colori e mille profumi; le Coste Calabresi sono un itinerario tutto da esplorare! Non a caso ogni tratto di costa, a seconda della sua vegetazione, del colore del suo mare, dei suoi tramonti e delle sue albe, viene definita con un colore:  la Costa Viola, la Costa dei Gelsomini, le Sabbie Bianche di Tropea, le Sabbie Rosse di Crotone. Coccolata da un clima dolce da aprile ad ottobre, la Calabria dona possibilità di vacanze piacevoli in tutte le stagioni.

“Ti amo Calabria per gli assorti silenzi delle tue selve che conciliano i sogni dei pastori e le estasi degli eremiti. Ti amo per quel fiume di alberi che dalle timpe montane arriva ai due mari a bere il vento del largo frammisto all’aroma del mirto. Ti amo per le solitarie calanche chiuse da strapiombi di rocce che prendon colore dell’alga nata dallo spruzzo dell’onda.”
– Leonida Rèpaci –
Il fascino occidentale

A OVEST

AMANTEA

La presenza più affascinante è sicuramente quella del mar Tirreno, limpido e dai riflessi turchesi sulla riva, dove lascia trasparire la sabbia color oro, tra le destinazioni preferite di chi si muove in barca partendo da questa zona, sono gli scogli d’Isca, piccoli frammenti rocciosi che emergono dalle onde dove si possono esplorare fondali meravigliosi.

ISOLA DI DINO

Alcuni ritengono che il nome derivi dalla presenza di un tempio (aedino) consacrato dai naviganti a Venere che doveva far riempire di splendore e rendere propizie le loro traversate lungo la costa. La dea allora donò a questo posto lo splendore del sole e il luccichio quasi immobile del mare. Il perimetro dell’isola, sprovvisto di arenile, misura 3 chilometri, lungo lo stesso si trovano delle grotte interessantissime in parte erose dal moto ondoso.

COSTA DEGLI DEI

La Costa degli Dei è sicuramente tra i litorali più belli ad ovest del basso Tirreno. Si estende per circa 55 km, caratterizzata da spiagge bianche a cui si succedono rocce frastagliate che si possono visitare solo a piedi o in barca. La costa degli Dei è caratterizzata a tratti da rigogliosa vegetazione e da bellissimi panorami paesaggistici e da un entroterra collinare e montano ancora da valorizzare. Lungo il litorale della Costa degli Dei si presenta uno spettacolo unico per il suo genere, unico perché si trovano tutte le tipologie di coste presenti in Italia. Dalle spiagge sabbiose larghe e raccordate alle pianure circostanti, alla alte coste a cui si susseguono baie sabbiose intervallate da costoni rocciosi. La costa e poi caratterizzata da fondali alti fino a breve distanza da terra. I caratteri morfologici della fascia costiera evidenziano un’ampia costa sabbiosa – ciottolosa, selvaggia e frastagliata, frequentemente difesa dalle propaggini urbanizzate, da aree verdi boschive (generalmente formate da eucalipti e pini marittimi o da estese fasce di macchie mediterranee).

Le bellezze a oriente

A EST

COSTA JONICA

La costa Jonica è una dei litorali da vedere più spettacolari d’Italia. Questa non solo offre un mare con acque limpide e paesaggi affascinanti, ma anche percorsi alla scoperta della storia, con i numerosi siti archeologi, dune, torri costiere, calette e distese di sabbia bianca, fondali spettacolari e in ultimo ma non per importanza, per il suo cibo e le sue tradizioni.

GOLFO DI SQUILLACE

Il Golfo di Squillace, che si estende da Isola di Capo Rizzuto fino a Monasterace, è senz’altro uno di quei posti in cui fermarsi per poter così assaporare fino in fondo l’atmosfera unica della Calabria. Qui si trovano due delle spiagge più suggestive dell’intera regione: la Costa dei Gelsomini, dall’aria profondamente mediterranea, e la Costa degli Aranci, caratterizzata da scogliere granitiche, piccole oasi naturalistiche e suggestivi borghi.

ISOLA CAPO RIZZUTO

Scogliere banche, vaste praterie di posidonia, caratterizzano invece il mare di Isola Capo Rizzuto, ma anche antichi relitti e resti di mura greche. Sono davvero da non perdere i fondali intorno al promontorio di Capo Rizzuto, dove si aprono sul mare limpido e irresistibile piccole calette tra le scogliere. Anche la spiaggia (quella di Le Castella per esempio) vale tutta la pena di visitarla per il suo colore insolito che vira sul rosso.

SPIAGGIA DI ROSETO CAPO SPULICO

Caratterizzata da un litorale di ciottoli e ghiaia, circondata a tratti da vaste pinete, questo paesaggio a tratti aspro e selvaggio, nasconde nei suoi fondali marini un mondo generosamente ricco e vitale, con le sue acque trasparenti grazie a fondali sassosi. Il punto più affascinante di questa spiaggia è quello in cui sorge il castello medievale di Roseto, caratterizzato da una spiccata verticalità, ai piedi delle quali si infrangono le onde dello Ionio.

SIBARI

Sibari, un paese ricco di storia, dato la sua zona pianeggiante tra i massicci del pollino, vide il sorgere della nascita di un centro importante della Magna Grecia. È una meta ideale per il turista dinamico, che può spostarsi dal mare dove la bellezza è nell’ampiezza delle sue spiagge, alla montagna ben visibile nelle giornate limpide, e poco distante.

Seguendo la Costa degli Dei

DA NORD A SUD

Seguendo la costa da Nord a Sud i punti di interessa più importati sono: Pizzo Calabro, Vibo Valentia, Briatico, Zambrone, Parghelia, la nostra Tropea, Ricadi, Joppolo e Nicotera.
Pizzo, è un piccolo paese arroccato su un promontorio tufaceo a picco sul mare. Famoso per il suo tartufo e per la sua pesca al tonno; la moderna cittadina di Pizzo oggi è meta di tanti turisti, attirati dalle sue spiagge e dal suo mare cristallino.
Briatico, sorge su un tratto di costa rocciosa e suggestiva per i suoi panorami e per la sua sabbia morbida e quasi bianca.
Zambrone, oggi è una cittadina ben servita dal punto di vista ricettivo e turistico, dove poter godere delle sue specialità (famosa per il suo olio e per la produzione dei fagioli, detti “al burro”) e di ogni comodità e servizi.
Parghelia, è un altro centro costiero molto frequentato, famoso per il tratto di spiaggia “la Pizzuta”, così chiamato per i pinnacoli di roccia granitica che si stagliano dal mare.
Superata Tropea, una vasta area turistica è quella di Capo Vaticano, nel comune di Ricadi che si annovera tra le 100 spiagge più belle al mondo. La baia più suggestiva è quella di Grotticelle, formata da tre spiagge vicine. Il mare è incantevole e i fondali tutti da esplorare.

Dista solo dieci minuti da Tropea ed è tra le zone più visitate dai turisti, per la sua natura selvaggia e incontaminata e per i suoi panorami mozzafiato che spaziano fino alle isole Eolie.
Joppolo, sorge su una rupe tufacea che si affaccia sul golfo della baia di Gioia Tauro e da qui è possibile ammirare il centro storico, ricco di testimonianze di un passato a tratti avvolto nel mistero. La sua spiaggia è di ciottoli grossi e lisci ed è bagnata da un mare cristallino e fondali alti. Per chi cerca la sabbia fine, può scegliere la spiaggia di Marina di Coccorino, circondata dal verde della macchia mediterranea.
Il piccolo borgo di Nicotera Marina invece, nasconde tante ricchezze fatte di storia e bellezze naturali. Le sue spiagge larghe e la sua sabbia fine e dorata permettono lunghe soste essendo anche ben attrezzata con Villaggi, Alberghi e Lidi, una spiaggia come è stato detto qualche volta “a misura di bambini” per le sue acque pulite e le sue spiagge dotate di ogni servizio utile.

Ma la Calabria è tanto altro ancora, che una semplice guida turistica non ti potrebbe spiegare, allora venite, vivetela, condividetela e soprattutto amatela.

Un pittoresco tratto di costa

COSTA BELLA

Il mare fa da sfondo a piccoli e pittoreschi borghi ce fanno si che questa parte di costa venga chiamata anche Costa Bella, proprio per il suo litorale stupendo, i suoi suggestivi paesaggi naturalistici che si susseguono lungo il suo percorso e per il suo meraviglioso affaccio sulle Isole Eolie, che distano una trentina di chilometri.